La decisione sul tasso d’interesse dei fondi FED

Analisi dei mercati finanziari e delle materie prime

La decisione sul tasso d’interesse dei fondi FED

Nella pubblicazione odierna affronteremo i seguenti argomenti:

- I principali rischi per il dollaro USA.

- La panoramica generale della coppia di valute EUR/USD.

- L'oro aggiorna i suoi massimi giornalieri.

La nostra revisione odierna inizia con la sua principale valuta, il dollaro USA. Nelle ultime settimane l'indice del dollaro USA è sceso di oltre il 4,5%, aggiornando i suoi minimi dalla metà del 2018. Le ragioni per vendere la divisa americana sembrano più che sufficienti, basta pensare al volume incredibilmente grande degli stimoli monetari della Fed. In parole povere, la causa dell'indebolimento del dollaro statunitense, è stata la questione della emissione nell'economia il cosiddetto "denaro a basso costo".

Dall'inizio di questa settimana, è stato discusso al Senato degli Stati Uniti un altro pacchetto di stimoli. Ebbene sì, stanno discutendo sulla prossima immissione del denaro nell'economia statunitense, il che ha già messo sotto pressione il dollaro USA. Allo stesso tempo, occorre prendere anche in considerazione il fatto che oggi la Fed renderà noto un resoconto sul tasso d'interesse a breve termine, e domani pubblicherà un rapporto sulle variazioni del tasso di crescita, o più precisamente - il Prodotto Interno Lordo (PIL) per il secondo trimestre. Le previsioni sono assai negative, quindi un rilascio di dati più deboli rispetto a quelli previsti, provocherebbe un'ulteriore ondata di vendita del dollaro USA.

Analizzando le prospettive dell'indebolimento del dollaro USA, la maggior parte dei trader sta già valutando l'acquisto della coppia valutaria EUR/USD. Tuttavia, possiamo già vedere la debolezza degli acquirenti sotto il livello di resistenza abbastanza forte 1.1800. Comunque, non escludo la possibilità che le quotazioni ritornino nella zona di 1.1800-1.1850 - si tratta dei massimi a partire dalla metà del 2018. È proprio da questa area che mi aspetto che si verifichi la correzione al ribasso.

Ed ora passiamo all'oro. Prima dell'apertura della sessione commerciale americana, la volatilità dell'oro era molto bassa, rispetto ai due giorni precedenti. Tuttavia, non dobbiamo escludere la comparsa di un'altra ondata della crescita, e di conseguenza il raggiungimento di un target locale di 2000 dollari. Un aumento della domanda d'acquisto potrebbe verificarsi nel caso venisse approvato un'ulteriore pacchetto di stimoli, o se verranno rilasciati dei dati deludenti relativi al PIL degli Stati Uniti. Tutto ciò si saprà nei prossimi giorni.

Ancor prima della pubblicazione dei risultati riguardo i tassi d'interesse a breve termine della Federal Reserve statunitense, verrà pubblicato il rapporto sulle variazioni delle riserve di petrolio e di prodotti petroliferi. Un ulteriore crescita delle riserve pari o superiore a 5 milioni di barili, potrebbe esercitare una notevole pressione sulle quotazioni del petrolio. Mentre il loro inaspettato declino allenterà notevolmente la pressione sul mercato "dell'oro nero".

Questa analisi non intende essere un invito o un suggerimento ad operare, ma solo una personale e momentanea visione, dell'autore, relativa allo strumento finanziario in analisi.

FIBO Group


Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere
Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group Holdings Limited, una società registrata a Cipro e regolamentata dalla CySEC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.